Lettere ( Michelangelo)

mic

Una scrittura, questa delle Lettere di Michelangelo, increspata, sdrucita, commendatizia, e pure delusiva, corredata com’è, quasi esclusivamente,

di conti, di danaro, di quote poderali, di casa da vendere o comperare, di doti e di nipoti scapestrati, di olio e vino ( sempre Trebbiano, sempre troppi fiaschi), di servi malaticci, di qualità e quantità di blocchi marmorei. Solo in una missiva, di fine dicembre del 1532, questo stile sciatto s’inturgidisce, s’impenna, la scrittura si fa aulica e gonfia come la rana della favole, dappertutto grondano metafore ed iperboli. Zitti tutti: ecco che arriva Tommaso Cavalieri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...