I cammelli di Gustavo Floberto(12)

A Louise Colet.

Domenica, una di notte del 25 gennaio del 1852.

Sposa di Maometto! Ti invio questo “Sant-Antonio”, una specie di fermacarte ed un piccolo flacone di olio di sandalo, due terzi della mia provvista. Tu ne verserai una mezza goccia su non importa chi o che cosa e subito vedrai quell’odore. Questo è il primo e il più prezioso fra i profumi dell’Oriente. Non appena ho maneggiato questo flacone, me ne è rimasto un po’ fra le mani ed il suo sentore mi ricorda i bazar del Cairo e di Damasco. Mi sembra di vedere i cammelli inginocchiarsi davanti alle botteghe aperte.

Annunci

I cammelli di Gustavo Floberto(11)

A sua madre.
Gerusalemme, 25 agosto 1850.

Ma il paese, in compenso, mi sembra magnifico- nonostante la sua reputazione. Non ci si allontana mai dalla Bibbia: cielo, montagne, forma dei cammelli ( oh, i cammelli), abiti delle donne, ci si ritrova tutto. Ad ogni momento te ne vedi davanti delle pagine viventi. Così, vecchia mia, se vuoi avere una buona idea del mondo in cui vivo, rileggi la genesi, i Giudici ed i Re.

Casello

tumblr_nj9qyypui41t2pbgvo1_400

Poi, tra il casello di Porto Civitanova e quello di Loreto-Porto Recanati, appare l’ennesimo cartellone pubblicitario della Regione Marche: un ritratto di Leopardi, incastonato tra una veduta del Conero ed il promo ultracollaudato: ” Le Marche: l’unica regione al plurale”. Si sorride nel notare come il volto del nostro Pierrot lunaire sia rivolto, con trasognata compassatezza, verso l’Hotel House. Aggiornare slogan: “Le Marche: dove le bidonville si fanno grattacieli”.

I cammelli di Gustavo Floberto(10)

A Louis Bouilhet.
Tra Girgeh e Siout. 4 giugno 1850.
Era la vera vita del deserto. Lungo tutta la strada ci imbattevamo qua e là in carcasse di cammelli, morti di stanchezza. Ci sono dei posti dove si trovano delle grandi piattaforme di sabbia lastricate; sono compatte e screpolate come l’aia di un fienile; sono i posti dove i cammelli si fermano per pisciare. L’urina alla lunga finisce per verniciare il suolo e renderlo tale e quale ad un parquet.